Favoriamo l’inclusione sociale di bambini e l’emancipazione dei ragazzi orfani, migliorando le competenze degli operatori sociali e l’autonomia sociale, educativa e finanziaria degli orfani presenti nelle strutture.
4.33% raggiunta
€1.730 raccolti su €40.000
3 donatori

IPSIA opera in Albania, e in particolare nella regione settentrionale del paese, dal 1999, attraverso una stretta collaborazione con CODE Partners, associazione locale nata dall’esperienza di IPSIA sul territorio.

Interveniamo nel settore delle migrazioni, dei diritti di genere, della formazione professionale a sostegno alla società civile.

Siamo attivi nella regione di Scutari con attività di sostegno agli orfani inseriti all’interno di strutture residenziali statali. Le bambine e i bambini, le ragazze e i ragazzi, dai 6 ai 30 anni, presenti ancora in queste strutture sono più di 150 e altrettanti attualmente vivono nei convitti o in altre strutture private.

Gli istituti sono una soluzione inadatta al giorno d’oggi e non riescono a rispondere ai requisiti degli ospiti per garantire una crescita e uno sviluppo sani ed equilibrati.

Per questo attraverso il progetto “La Comunità del futuro: interventi di inclusione socio-lavorativa per gli orfani di Scutari” ci siamo inseriti all’interno del processo di deistituzionalizzazione e decentramento avviato in Albania con la legge sociale del 2005, e, più in generale, all’interno della strategia nazionale di sviluppo albanese che sottolinea l’investimento sullo sviluppo umano e sulla coesione sociale, con una particolare attenzione alla protezione dei bambini e dei giovani che vivono in contesti e situazioni svantaggiate.

Il nostro obiettivo è quello di favorire l’inclusione sociale di bambini e l’emancipazione dei ragazzi orfani, migliorando le competenze degli operatori sociali e l’autonomia sociale, educativa e finanziaria degli orfani presenti nelle strutture.

Come lo facciamo?

  • Attraverso un percorso certificato di formazione per gli operatori sociali nel Comune di Scutari
  • Creando una comunità educativa residenziale per almeno 8 orfani per  sviluppare forme di autonomia organizzativa.
  • Migliorando l’autonomia dei ragazzi presenti nelle strutture attraverso percorsi di formazione, di responsabilizzazione e di autonomia, supportandoli anche nel percorso scolastico
  • Garantendo autonomia finanziaria ad almeno 60 orfani accompagnandoli in percorsi lavorativi attraverso la formazione professionale, lo strumento delle borse lavoro e lo sviluppo di imprese individuali sostenibili